Arezzo Impresa, Economia, Cultura e Territorio
IMPRESE

Corrispettivi, presto l'invio telematico

Dal 1° Gennaio 2017 i commercianti al dettaglio potranno optare per la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate dei corrispettivi giornalieri. Questa opzione sostituirà l’obbligo di annotare i corrispettivi sull’apposito registro e di certificarli mediante scontrino/ricevuta fiscale. Inoltre, esonera da alcuni adempimenti come la comunicazione clienti–fornitori o black list e dà diritto ad eventuali rimborsi del credito Iva in via prioritaria. Info all'Ufficio Fisco&Contabilità della Confcommercio di Arezzo al numero di telefono 0575 350755 (chiedere delle dottoresse Stefania Dei o Monica Fabbrini).

Dal 1° Gennaio 2017 i commercianti al dettaglio potranno optare per la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate dei corrispettivi giornalieri.

Tale opzione (di durata quinquennale) sostituirà l’obbligo di annotazione dei corrispettivi sull’apposito registro e di certificazione dei corrispettivi mediante scontrino/ricevuta fiscale, ferma restando l’emissione della fattura su richiesta del cliente.

Chi sceglie questa soluzione sarà esonerato anche dai seguenti adempimenti:

• comunicazione clienti–fornitori;
• comunicazione operazioni black list;
• presentazione dei modd. Intra, “limitatamente agli acquisti intracomunitari di beni e alle prestazioni di servizi” ricevute da soggetti UE.

Potrà poi ricevere in via prioritaria l’eventuale rimborso del credito IVA ex art. 30, DPR n. 633/72 entro 3 mesi dalla presentazione della dichiarazione annuale, anche in mancanza dei requisiti previsti.

Sempre dal 1° gennaio 2017, la memorizzazione elettronica/trasmissione telematica sarà invece obbligatoria per i soggetti che effettuano cessioni di beni tramite distributori automatici (c.d. “vending machine”) collocati in uffici, ospedali, scuole, ecc.

Per saperne di più, contattare l'Ufficio Fisco&Contabilità della Confcommercio di Arezzo al numero di telefono 0575 350755 (chiedere delle dottoresse Stefania Dei o Monica Fabbrini).

(22 settembre 2016) © RIPRODUZIONE RISERVATA