Arezzo Impresa, Economia, Cultura e Territorio
L'INDAGINE

Cibo e turismo, binomio vincente

Ricerca Censis "Il futuro dei territori. Idee per un nuovo manifesto per lo sviluppo locale": nei primi sei mesi del 2015 forte aumento degli occupati nei servizi di alloggio e ristorazione (+5,4%, il picco al Sud con +7,4%). Tra gennaio e maggio quasi un milione di turisti in pi rispetto allo stesso periodo del 2014.

In Italia, nel primo semestre di quest'anno, si registra un piccolo boom di nuovi occupati nel campo dei servizi di alloggio e ristorazione con un +5,4%. Il picco al Sud (+7,4%).

Lo rivela la ricerca "Il futuro dei territori. Idee per un nuovo manifesto per lo sviluppo locale" realizzata dal Censis per il Padiglione Italia di Expo 2015.

In Italia i territori con i tassi di occupazione più alti sono quelli che hanno puntato sull'offerta turistica o sull'agroalimentare, con oltre 2 milioni di visitatori in più nei primi cinque mesi dell'anno rispetto al 2013. "Solo così - sostiene il Censis - si può contrastare il rischio di una secessione di fatto del Mezzogiorno".

Creare occupazione e puntare sullo sviluppo dei territori la ricetta per battere la crisi.

Quattro regioni meridionali (Sicilia, Campania, Calabria e Puglia) si collocano agli ultimi quattro posti della graduatoria europea per tasso di occupazione della popolazione con età tra i 15 e i 64 anni. Tra le prime 20 regioni dell'Ue nessun territorio italiano: il primo, la Provincia autonoma di Bolzano, si colloca solo all'86esimo posto, con un tasso di occupazione del 70,8%. Bisogna scendere fino al 130esimo per trovare la seconda regione italiana nella graduatoria: l'Emilia Romagna (66,3%).

Da dove ripartire allora? Dai nostri punti di eccellenza, osserva il Censis.

Nella classifica dei primi 30 sistemi locali per tasso di occupazione, quasi la metà hanno una specializzazione produttiva legata al turismo: da Bressanone a Vipiteno e Ortisei, in provincia di Bolzano, a Bormio, in provincia di Sondrio. E cinque sono a vocazione agroalimentare: da Brunico ed Egna, a Bolzano, a Borgo San Lorenzo (Firenze) e Alba (Cuneo). "Sono esperienze da cui si può e si deve ripartire per rifare sviluppo. Indicano che la filiera del cibo - dalla produzione alla distribuzione, al consumo - è un formidabile moltiplicatore di opportunità per i territori".

Nel complesso vincono, sul piano economico, i territori che si rendono riconoscibili e incarnano la "good reputation" del made in Italy, intercettando la domanda globale di tracciabilità e autenticità. Decolla anche il settore turistico.

Da quanto emerge dalla ricerca del Censis, l'Italia ha registrato quasi 900.000 visitatori in più nei primi cinque mesi del 2015 rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, e oltre due milioni in più rispetto ai primi cinque mesi del 2013. (Fonte: Confcommercio.it)

(16 settembre 2015) RIPRODUZIONE RISERVATA