Arezzo Impresa, Economia, Cultura e Territorio
SAN GIOVANNI VALDARNO

Ztl, le prime modifiche dopo l'indagine tra i commercianti

Ampliato l’orario di accesso per corrieri e possessori di permesso; presto a San Giovanni Valdarno anche i varchi elettronici. In valutazione la riapertura serale delle strade parallele a Corso Italia. Allo studio agevolazioni per chi fa acquisti usando i parcheggi del centro. Confcommercio: “confidiamo che il Comune valuti tutte le criticità emerse con il nostro questionario".

Soddisfazione della Confcommercio dopo l’incontro convocato dal Sindaco di San Giovanni Valdarno sulla questione Ztl. “Stanno arrivando i primi risultati della nostra battaglia per modificare il regolamento”, sottolinea la responsabile della delegazione sangiovannese di Confcommercio Laura Cantini, “l’indagine che abbiamo somministrato agli operatori del centro storico è servita a mettere in luce una serie di criticità che adesso l’Amministrazione sta prendendo in esame per risolverle nell’interesse di tutta la comunità e di questo la ringraziamo”.Laura Cantini

“Per adesso”, prosegue Cantini, “dimostrando ancora una volta capacità di ascolto e attenzione nei confronti della categoria, l’Amministrazione Comunale ha concesso di ampliare di mezz’ora l’orario di accesso alla Ztl per i corrieri e possessori di permesso (fino alle ore 11 anziché fino alle ore 10,30). Il Sindaco porterà poi in Consiglio in questi giorni la nostra richiesta di installazione del varco elettronico affinché sia effettuata entro la fine dell’anno”.

Nulla da fare invece per la riapertura al traffico delle strade parallele a Corso Italia. “Ci hanno spiegato che c’è un problema tecnico: per il Ministero la regolamentazione delle strade deve essere sia orizzontale sia verticale, pena la nullità della Ztl”, spiega Cantini, “l’Amministrazione si è comunque impegnata a valutare la riapertura serale di tali strade dalle ore 20 alle ore 24 nel periodo ottobre – marzo. Una proposta che potrebbe venire incontro ai pubblici esercizi”.

Nel corso della riunione in Comune dell’11 giugno scorso, i rappresentanti della Confcommercio hanno presentato tutti i risultati della loro indagine sulla Ztl sottolineando la necessità di fare al più presto altri aggiustamenti al regolamento vigente, dal momento che 108 su 117 intervistati ne hanno evidenziato varie disfunzionalità.

“Siamo sulla buona strada, ma continueremo a lavorare perché siano valutati e, se del caso, recepiti gli altri suggerimenti forniti dagli operatori”, fa sapere la responsabile, “per esempio, in merito all’estensione generalizzata dell’orario di accesso (per adesso consentito dalle ore 6 alle ore 9), stiamo lavorando su una ipotesi basata sull’utilizzo di uno speciale software sviluppato dall’Amministrazione Comunale, che consentirebbe di premiare chi acquista in centro offrendogli la possibilità di accedere in Ztl con la sua auto”. Basterà che, come già avviene in altre città, il commerciante da cui vengono effettuati gli acquisti segnali in via telematica alla centrale del Comune la targa dell'auto usata dal cliente per entrare nella Ztl, in modo che gli venga annullata automaticamente la multa.

“Abbiamo inoltre proposto di individuare dei parcheggi (Dalla Chiesa per la zona nord e un altro per la zona sud) da promuovere come gratuiti in determinate occasioni, per esempio il pomeriggio del terzo sabato del mese”. Tutto, insomma, perché la frequentazione del centro storico sia favorita e non ostacolata, nel rispetto della sostenibilità ambientale, ma anche della vivibilità di cittadini e rete di imprese.

 

(13 giugno 2013) © RIPRODUZIONE RISERVATA