Arezzo Impresa, Economia, Cultura e Territorio

Tra i banchi per diventare addetti alla vendita, tra i profili pił richiesti dalle imprese

Al via ad Arezzo la seconda edizione del corso per esperti di marketing commerciale. 800 ore tra stage in azienda e lezioni in aula per conquistare una professionalitą da spendere sul mercato. Ce ne parla il direttore dell'area formazione della Confcommercio Stefano Orlandi

“In un momento difficile come questo, tra crisi dell’occupazione, aumento delle imposte e contrazione dei consumi, la funzione della vendita, che è sempre importante per le imprese del terziario, è diventata un elemento centrale e di assoluto rilievo” dice il direttore dell’area formazione della Confcommercio di Arezzo Stefano Orlandi “ecco perché tra i profili professionali più richiesti c’è quello dell’addetto alle vendite. Avere un commesso o un banconista preparato ed empatico, in grado di consigliare i clienti, motivarli e fidelizzarli, non ha prezzo”. È quindi proprio in tempi di crisi che le imprese dovrebbero investire di più nelle politiche commerciali, secondo la Confcommercio.Stefano Orlandi

“Motivare i consumatori con un approccio giusto è alla base di tutto”, spiega Orlandi, “nell’era di internet, conoscere tutte le caratteristiche specifiche dei prodotti o servizi che si vende non basta più, perché oggi i consumatori che entrano in negozio sono preparatissimi. Allora, solo la relazione umana può fare la differenza. Un buon venditore riesce a trasformare la transazione commerciale in una relazione con il cliente che tocca l’immagine dell’impresa e le sue regole di comunicazione”.

“Non solo: un buon venditore deve saper mantenere una relazione costante con chi nell’azienda si occupa dei fornitori, per selezionare i prodotti in base alle richieste del mercato e ottimizzare gli investimenti del magazzino. In questo senso, un buon venditore fa risparmiare l’azienda”.

Il curriculum ideale del “buon venditore”, oltre ad una predisposizione ai rapporti interpersonali, include una solida cultura di base, un buon percorso scolastico (diploma o addirittura laurea) e un approfondimento scientifico delle tecniche di comunicazione, pubblicità e vendita, merceologia, packaging e tecniche di allestimento del punto vendita, acquisibili attraverso percorsi specifici di formazione professionale. “Non è un caso se come Confcommercio abbiamo ottenuto dalla Regione Toscana i finanziamenti per una seconda edizione del corso dedicato al Marketing Commerciale, in partenza proprio in questi giorni. 800 ore di formazione gratuite, di cui oltre 300 di stage aziendale, per diventare molto più di addetti alle vendite: veri professionisti che operano nel settore commerciale traducendo in azioni di marketing gli obiettivi strategici prefissati dall’azienda, capaci di analizzare il mercato e direzionare lo sviluppo aziendale”

(08 febbraio 2013) © RIPRODUZIONE RISERVATA