Arezzo Impresa, Economia, Cultura e Territorio

Archivio articoli

Lavoro
FORMAZIONE

Come prepararsi un futuro da cuoco

Nel 2017 nuova edizione per il corso di formazione professionale dedicato ai futuri cuochi: 900 ore, di cui 230 di stage nelle aziende, per diventare subito operativi nelle cucine di mense, ristoranti e aziende di catering. E trovare più facilmente un'occupazione, visto che cuochi e aiuti cuochi sono tra le figure professionali più ricercate sul mercato del lavoro. Le lezioni si tengono nella nuova sede dell'Accademia del Gusto, in via Newton 34 (zona Pratacci) ad Arezzo, che offre uno spazio polifunzionale ampio e ben attrezzato per ospitare corsi ed esercitazioni pratiche legate al mondo del food. Per saperne di più, contattare l'Ufficio Formazione di Confcommercio al numero 0575350755 oppure scrivere a formazione@confcommercio.ar.it.

L'INDAGINE

Arezzo, occupazione ancora col segno meno

Presentato in Camera di Commercio il Rapporto Excelsior 2016. Il "saldo" occupazionale atteso è pari a –210 unità, in miglioramento comunque rispetto alle -520 di un anno prima. Tra le figure più ricercate quelle del settore ristorazione e ricettività (su tutti cuochi, camerieri e baristi), poi quelle del commercio (commessi). Seguono artigiani e operai specializzati nell'industria alimentare, legno, tessile-abbigliamento-cuoio. Il presidente della Camera di Commercio Andrea Sereni: "il mercato del lavoro aretino meno dinamico rispetto a quello delle altre province toscane. Con un tasso di assunzione del 4,6%, Arezzo si colloca infatti all'ultimo posto della graduatoria regionale. Un dato inferiore a quello medio toscano (6,6%) e a quello nazionale( 6,7%) che è pesantemente condizionato dalla bassa incidenza del turismo che, con numerose assunzioni stagionali fa, ad esempio, schizzare ai vertici della classifica le province della costa: Grosseto, Livorno e Lucca. 
IL PROGETTO

Pratacci in cerca di una nuova identitą

Bidini_GhinelliL’area, sorta lungo il raccordo autostradale dalla fine degli anni Sessanta per ospitare gli insediamenti della distribuzione all’ingrosso e della produzione leggera, oggi rivendica una vocazione polifunzionale. Il presidente del Consorzio Sviluppo Pratacci Alberto Bidini: “vogliamo condividere con l’Amministrazione Comunale un progetto di rilancio integrato per trasformare Pratacci in un vero pezzo di città dove i laboratori di produzione e gli ingrossi si mescolano ai negozi al dettaglio, alle scuole e alle abitazioni”. Gli anni della crisi hanno lasciato vuoti e inefficienze da eliminare: “adesso le nostre imprese pagano tasse e imposte su immobili inutilizzati per un totale di 350mila euro l’anno. Liberiamo queste risorse per aumentare sviluppo e occupazione”. Il sindaco Alessandro Ghinelli: "ci saranno opportunità importanti sia per i cittadini, sia nell’ottica di attrarre investimenti e capitali da fuori città. Il concetto di “economia circolare” che vale per i rifiuti dovrebbe valere anche per la riconversione delle aree urbane: nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma". 

Vincenzo Ceccarelli ad Arezzo per parlare di edilizia e infrastrutture

Vincenzo Ceccarelli

L'assessore regionale alle infrastrutture della Toscana arriverà venerdì 9 dicembre alle ore 11 nella sede della Confcommercio di Arezzo. A riceverlo ci saranno la presidente di Confcommercio Toscana Anna Lapini con il direttore regionale Franco Marinoni. Per l’occasione arriverà in città anche Giuseppe Freri, presidente nazionale di Federcomated (Federazione Commercianti Materiali Edili) Confcommercio. Il comparto del commercio di materiali edili rappresenta in Italia circa 8mila aziende, di cui un centinaio in provincia di Arezzo, con un volume d’affari che si aggira intorno ai 17 miliardi di euro l’anno. Il presidente provinciale Pietro Sgrevi: “diamo impulso al mercato delle ristrutturazioni”.

TURISMO

Ponte dell'Immacolata, verso il tutto esaurito per la ricettivitą aretina

ArezzoL’indagine della Confcommercio: se per i giorni intorno all’8 dicembre il tasso di occupazione medio è di oltre il 70%, nei giorni del week end si viaggia già oltre il 90%. Merito della concomitanza tra gli eventi della Città del Natale e una gara sportiva di ginnastica che si terrà sabato prossimo. “Ma da sola, tra la fine di novembre e l’inizio di dicembre, finora la Città del Natale ha fruttato alle strutture ricettive del centro storico almeno il 15% di presenze in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno”, dichiara la vicedirettrice della Confcommercio aretina Catiuscia Fei. Ad arrivare soprattutto individuali italiani. Il Villaggio Tirolese fra le attrazioni più richieste. “Se il prossimo anno potessimo anticipare la programmazione della Città del Natale alla fine dell’estate, con lo stesso investimento economico si potrebbero ottenere risultati molto più visibili in città e, come minimo, raddoppiare l’incremento di turisti che pernottano”.

« Articoli precedenti